CIRCOLARE DI STUDIO N. 12 DEL 22 GENNAIO 2019

Comunicazione all’enea degli interventi che comportano risparmio energetico e utilizzo delle fonti rinnovabili di energia nell’ambito di una ristrutturazione edilizia

Premessa:

 

La Legge di Bilancio 2018 introducendo il comma 2-bis allarticolo 16 D.L. 63/2013,  al  fine  di   consentire   il monitoraggio   del   risparmio   energetico e/o l’utilizzo delle fonti rinnovabili di energia e sulle quali il contribuente     intende      fruire      delle detrazioni      fiscali previste      per  le ristrutturazioni edilizie, ha introdotto l’obbligo di trasmettere all’ENEA le informazioni sui lavori effettuati, analogamente a quanto già previsto per le detrazioni fiscali per gli interventi di riqualificazione energetica.

Attivazione portale:

 

A tal fine l’ENEA, d’intesa con il Ministero dello Sviluppo Economico e con l’Agenzia delle Entrate, ha realizzato un sito web dedicato, rivolto agli utenti per la trasmissione dei dati relativi agli interventi soggetti all’obbligo e raggiungibile al seguente indirizzo: http://ristrutturazioni2018.enea.it.

Trasmissione e compilazione comunicazione:

 

La comunicazione all’ENEA può essere trasmessa:

  • dal contribuente che intende avvalersi della detrazione fiscale;
  • in alternativa, dall’intermediario (tecnico/amministratore, che compila la dichiarazione per conto di un cliente, di un assistito, di un condominio o di una società).

 

Per accedere alla compilazione della comunicazione da inviare all’ENEA è necessario prima di tutto registrarsi al sito, indicando nome, cognome, indirizzo mail e password.

Successivamente si dovrà procedere alla compilazione della comunicazione indicando i dati anagrafici del beneficiario, i dati dell’immobile oggetto dei lavori e i dati relativi all’intervento.

Verificati  i  dati  inseriti,  l’utente  potrà  procedere  all’invio:  sarà   poi   possibile stampare l’intero modello su cui sono indicati la data di trasmissione e un codice identificativo dell’avvenuta trasmissione.

 

Scadenza adempimento:

 

La trasmissione dei dati deve avvenire entro  il  termine  di  90  giorni a  partire dalla data di ultimazione dei lavori o del collaudo a nulla rilevando il momento di effettuazione dei pagamenti.

Attenzione però alle tempistiche previste per la trasmissione dei dati nel caso di interventi realizzati nel corso dell’anno 2018:

  • per gli interventi la cui data di fine lavori (come da collaudo delle opere, dal certificato di fine dei lavori o da dichiarazione di conformità) è compresa tra il 01/01/2018  e il  21/11/2018 (data di  apertura del sito)   il termine dei 90 giorni decorre dal 21/11/2018, quindi l’invio deve avvenire entro il 19/02/2019;
  • per gli interventi la cui data di fine lavori è successiva al 21/11/2018, il termine dei 90 decorre dalla data di ultimazione dei

 

Interventi edilizi e tecnologici oggetto di trasmissione:

 

La trasmissione dei dati all’ENEA è obbligatoria per i seguenti interventi edilizi e tecnologici:

 

 

 

Componenti e tecnologie

 

 

Tipo di intervento

 

 

 

 

Strutture edilizie

 

•  riduzione  della  trasmittanza delle pareti verticali che delimitano gli ambienti riscaldati dall’ esterno, dai vani freddi e dal terreno;

•  riduzione delle trasmittanze delle strutture opache orizzontali e inclinate (coperture) che delimitano gli ambienti riscaldati dall’esterno e dai vani freddi;

 

 

•  riduzione della trasmittanza termica dei pavimenti che delimitano gli ambienti riscaldati dall’esterno, dai vani freddi e dal terreno.

 

 

Infissi

 

•  riduzione della trasmittanza dei serramenti comprensivi di infissi che delimitano gli ambienti riscaldati dall’esterno e dai vani freddi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Impianti tecnologici

 

•installazione di collettori solari (solare termico) per la produzione di acqua calda sanitaria e/o il riscaldamento degli ambienti;

•  sostituzione di generatori di calore con caldaie a condensazione per il riscaldamento degli ambienti (con o senza produzione di acqua calda sanitaria) o per la sola produzione di acqua calda per una pluralità di utenze ed eventuale adeguamento dell’impianto;

•  sostituzione di generatori con generatori di  calore ad aria a condensazione ed eventuale adeguamento dell’impianto;

•  pompe di calore per climatizzazione degli ambienti ed eventuale adeguamento dell’impianto;

•  sistemi ibridi (caldaia a condensazione e pompa di calore) ed eventuale adeguamento dell’impianto;

•  microcogeneratori;

•  scaldacqua a pompa di calore;

•  generatori di calore a biomassa;

•     installazione di sistemi di contabilizzazione del calore negli impianti centralizzati per una pluralità di utenze;

•     installazione   di    sistemi    di termoregolazione e building automation;

 

 

•  installazione di impianti fotovoltaici.

 

Elettrodomestici di classe A+ (A per i forni), solo se collegati ad un intervento               di

recupero                del patrimonio edilizio iniziato a decorrere dal 1° gennaio 2017

 

•  forni;

•  frigoriferi;

•  lavastoviglie;

•  piani cottura elettrici;

•  lavasciuga;

•  lavatrici.