CIRCOLARE DI STUDIO N. 51 DEL 9 DICEMBRE 2019

NOVITÀ DICHIARAZIONI D’INTENTO

Per effetto dell’art. 12-septies del D.L. 34/2019 (Decreto Crescita) convertito nella Legge 58/2019 sono state introdotte a partire dal 1 gennaio 2020 alcune rilevanti novità in materia di dichiarazioni di intento che riguarderanno:

  • la soppressione dell’obbligo di consegna della dichiarazione di intento al fornitore / Dogana;

  • la soppressione dell’obbligo di numerazione, annotazione in apposito registro nonché di conservazione delle dichiarazioni di intento ricevute ed emesse;

  • l’aggravio del regime sanzionatorio a carico del soggetto cedente/prestatore.

Si segnala che ad oggi non è ancora stato emanato il Provvedimento del Direttore dell’Agenzia Entrate che era atteso entro 60 giorni dall’emanazione della novella normativa.

Gli esportatori abituali (ovvero i soggetti che, nel corso dell’anno solare precedente, hanno effettuato esportazioni e/o cessioni intracomunitarie per un ammontare superiore al 10% del volume d’affari totale) che intendono acquistare o importare senza applicazione dell’Iva, sono tenuti ad emettere la dichiarazione di intento.

Una volta emessa la dichiarazione di intento, l’esportatore abituale deve:

  1. trasmettere telematicamente la dichiarazione di intento all’Agenzia delle Entrate, cui seguirà il successivo rilascio della ricevuta telematica contenente il protocollo di ricezione;
  2. verificare l’importo complessivamente fatturatogli senza IVA, che non deve mai eccedere quanto indicato nella dichiarazione di intento.

Se l’esportatore abituale, nello stesso periodo di riferimento, intende acquistare senza IVA per un importo superiore a

Continuando, accetti le Norme sulla privacy e le Norme sull'utilizzo dei cookie di Korus Partners.

Sei gia iscritto a Korus Partners? Accedi

Existing Users Log In
   
New User Registration
*Campo obbligatorio